Le nuove guide ENEA

ENEA ha pubblicato le nuove guide relative le incombenze e i documenti necessari per poter ottenere le detrazioni sulle spese di ristrutturazione (bonus-casa 50%) e di riqualificazione energetica (eco-bonus 50%-65%).

Qui sotto trovate i downloads delle guide.

 

 

Ok alla detrazione 50% anche in caso di mancata o tardiva comunicazione ENEA

DICHIARAZIONE ENEA

Con la finanziaria di fine 2017, l'allora Governo introdusse l'obbligo della dichiarazione ENEA anche per le spese sostenute per opere di ristrutturazione (bonus casa - detrazione 50%) che portavano ad un risparmio energetico; fino ad allora l'obbligatorietà della dichiarazione ENEA era per le sole spese sostenute per la riqualificazione energetica (ecobonus - detrazione 50%-65%).
Il portale ENEA, ove dichiarare tali lavori di ristrutturazione, venne messo online solo un'anno dopo dall'introduzione della norma; molte furono le polemiche per tale ritardo.
Con la risoluzione 46/E del 18 aprile 2019 (che trovate qui a fianco), l'Agenzia delle Entrate stabilisce che tale obbligatorietà è di fatto facoltativa, pertanto, anche per chi non avesse provveduto per tempo all'invio della dichiarazione ENEA per le opere di ristrutturazione eseguite e terminate, non perderà il diritto alla detrazione del 50%.
Rimane invece l'obbligatorietà per le spese sostenute per opere di riqualificazione energetica (ecobonus), pena la decadenza dei diritti di detrazione.
Consiglio tuttavia, entro 90 giorni dalla fine lavori, di procedere alla dichiarazione ENEA tramite il portale dedicato (https://detrazionifiscali.enea.it/), affidandovi al vostro tecnico di fiducia.

 
 

Le nuove guide alle detrazioni dell’Agenzia delle Entrate

LE NUOVE GUIDE

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato, a febbraio, le nuove guide relative le detrazioni (i cosiddetti bonus) per ristrutturazione, risparmio energetico e mobili.

Qui a fianco il download delle stesse.

Ampliamento del box auto agevolabile ai fini del 50%

BOX PERTINENZIALE

Anche la realizzazione di boxes rientra nella possibilità di detrazione del 50% per ristrutturazione; unica condizione è che, il nuovo box, sia pertinenziale all'unità abitativa, desumibile dal permesso di costruire rilasciato piuttosto che dalla pratica di SCIA presentata in Comune.

Questo è l'unico caso di nuova costruzione che può beneficiare delle agevolazioni fiscali in essere.

A fianco potrete accedere ad un interessante articolo tratto dal portale web-ingenio.it

Contattami

Dichiarazione ENEA ristrutturazioni: termine ultimo 1 aprile 2019

Come ci si aspettava, in extremis, è stata rinviata la data ultima di presentazione della dichiarazione ENEA per i lavori di ristrutturazione che hanno comportato un risparmio energetico, comprensivo dell'acquisto di elettrodomestici, per quelle opere terminate prima del 21 novembre 2018.

La prima scadenza era prevista per il 19 febbraio, poi portata al 21 febbraio ed ora posticipata al 1 aprile 2019.

Il posticipo di tale data si è reso necessario essenzialmente dall'alto numero di pratiche da inviare, associato alla problematica del portale ENEA nel ricevere le stesse.

Bonus casa, cosa cambierebbero i professionisti

I BONUS e I PROFESSIONISTI

Un focus interessante sulle varie opinioni e suggerimenti di professionisti che sono da sempre impegnati, con i relativi clienti, a spiegare loro cosa e come fare per usufruire dei vari bonus (ristrutturazione, energetico, sismico, ecc...).

Quello che emerge chiaramente è il suggerimento di renderli stabili e non essere prorogati di anno in anno, evitando in tal modo il continuo e snervante dilemma "prorogheranno o non prorogheranno ?", dilemma che rimane sempre e costantemente in bilico fino all'ultimo giorno prima della scadenza...come oramai è abitudine dei nostri governi...

Altro suggerimento è quello di ridurre il tempo dei rimborsi, da 10 a 5 anni.

(da edilportale.com)

Guida alla detrazione ristrutturazione

 

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un nuovo aggiornamento riguardo le modalità per le detrazioni riguardanti le opere di ristrutturazione (comprensivo del bonus mobili), con un elenco, non esaustivo, di quei lavori che possono essere portati in detrazioni.

Non dimenticate che, per i lavori che si concludono del 2018 (solo per quelli che permettono un risparmio energetico), corre l'obbligo di comunicazione all'ENEA delle spese sostenute per le stesse, tramite il portale dedicato www.ristrutturazioni2018.enea.it/index.asp

Bonus mobili, obbligo comunicazione all’Enea per gli elettrodomestici

Portale ENEA per detrazione ristrutturazione

klikka e vai al portale ENEA per le dichiarazioni "bonus ristrutturazione"

https://ristrutturazioni2018.enea.it/index.asp

"Bonus mobili" e comunicazione all'ENEA

 

Come già accennato in un post precedente, per i lavori di ristrutturazione che hanno comportato l'acquisto di elettrodomestici con possibilità di detrazione mediante il "bonus mobili", corre l'obbligo di comunicare all'ENEA  l'acquisto degli stessi.

Pertanto, per non incorrere in problemi con l'Agenzia delle Entrate circa la detraibilità o meno di tali spese, ricordatevi di portare a termine questa nuova incombenza.

Conto Termico, incentivi senza scadenza

CONTO TERMICO

 

Il conto termico, questo sconosciuto...ed invece è una valida alternativa ai bonus energetici in vigore.

Prevede incentivi che vanno dal 40% al 65%, a seconda degli interventi, ma, soprattutto, le spese sostenute sono detraibili in un lasso di tempo che va due a cinque anni, ed inoltre gli incentivi fino a 5mila euro sono rimborsati in una unica rata.

Qui a fianco una rapida guida al Conto Termico, tratta dal portale www.edilportale.com.

 

 

Ristrutturazioni edilizie con risparmio energetico

BONUS RISTRUTTURAZIONI

 

Dopo mesi e mesi di parole, ora si è passati ai fatti; è online il portale ENEA per la nuova incombenza (come se ne mancassero...) relativa l'ottenimento del bonus ristrutturazione.

Così come le norme prevedono, per il bonus energetico, la cosiddetta "dichiarazione ENEA" da farsi entro il termine di 90 giorni a partire dalla data di fine lavori, così anche per le ristrutturazioni (ma solamente per determinate opere comportanti risparmio energetico) andrà eseguita la medesima procedura, pena la decadenza delle detrazioni.